Film sui cani

Ragazzina

Il cane, il migliore amico dell'uomo, non è estraneo al cinema. Nel corso della storia, i cani hanno recitato in un numero significativo di film.

Sebbene il tono della commedia prevalga nella maggior parte dei film sui cani, c'è spazio anche per l'avventura e il dramma.

 Cosa sarebbero i film sui cani senza Lassie?

Sul grande schermo hanno sfilato un buon numero di cani di tutte le razze e taglie. Ma quello creare un precedente e aprire la strada a questi animali da compagnia per entrare a far parte del "sistema stellare" era Lassie.

Questo cane Collie è nato dalla mente dello scrittore britannico Eric Knight, che nel 1938 pubblicò la storia Lassie: vieni a casa. Il successo è stato istantaneo. Due anni dopo, la storia è stata pubblicata di nuovo, questa volta come romanzo. Ma la consacrazione internazionale sarebbe arrivata nel 1943. Diretto da Fred W. Wilcox e interpretato da Roddy McDowall e Donald Crisp, l'omonimo film segnerà un prima e un dopo sugli animali al cinema e in televisione.

Come dati aggiuntivi, questo film sarebbe anche responsabile della nascita di un'altra star di fama mondiale: una ragazza di nome Elizabeth Taylor.

Col tempo, Lassie ha recitato in altri sette film, oltre ad avere i propri programmi TV in diverse occasioni.

 Beethovendi Brian Levante (1992)

Beethoven

Primi anni '90 È stato un grande San Bernardo a conquistare i botteghini cinematografici di tutto il mondo. Ha raccolto poco meno di 150 milioni di dollari a fronte di un budget che non ha raggiunto i 20.000.000 di dollari.

Con Charles Grodin, Bonnie Hunt Stanley Tucci, Oliver Platt, David Duchovny e Joseph Gordon-Levitt.

Nel 1993 è uscito un sequel, altrettanto riuscito del film originale.

Dato l'alto tasso di reboot e remake, non c'è da meravigliarsi se in un futuro non troppo lontano avremo Lassie e Beethoven nei cinema.

 Hachiko Monogataridi Seijiro Koyama (1987)

Ci sono cani famosi, al di là dei film sui cani. Uno di loro è Hachiko, un esemplare della razza Akita la cui storia di amore e lealtà al suo padrone ha viaggiato in tutti gli angoli del pianeta.

È stato il film giapponese con il maggior incasso del 1987. Il suo successo ha portato anche a un remake realizzato a Hollywood con Richard Gere nel 2009 con Joan Allen

 101 Dalmatians, di Clyde Geronimi e Wolfang Reitherman (1961)

Prodotto dallo stesso Walt Disney, basato sull'omonima storia scritta dal britannico Doddie Smith.

È uno dei classici nastri animati dello studio di Topolino, imperitura indipendentemente dal passare del tempo.

Come curiosità tecnica, è il primo film cinematografico ad utilizzare la xerografia. Un processo utilizzato per copiare su una superficie lo stesso imagen. Se non fosse stato per questa soluzione pratica, gli animatori avrebbero dovuto disegnare uno per uno i 101 Dalmati.

 101 Dalmati: più vivi che mai! di Stephen Herek (1996)

La moda per gli adattamenti dei classici animati in azione reale non è iniziata, come molti credono, Alice nel paese delle meraviglie di Tim Burton (2010). E ha continuato con questo campione di film sui cani, basato su molti dalmati. Già nel 1996 questo remake esplorava le enormi possibilità economiche che questa pratica offre agli studi.

Per molti aspetti, è una copia quasi esatta del film d'animazione dei primi anni '60. Il suo successo si basa sulla caratterizzazione di Glenn Close del cattivo nella storia: Cruela De Vil

 La signora e il vagabondodi Clyde Geronimi (1955)

Prima di 101 Dalmatians, Walt Disney si era già avventurato nei film sui cani. Basato sul romanzo di Ward Greene. Racconta la storia d'amore contro le regole sociali di un grazioso Cocker Spaniel americano con un cane di strada cencioso. Il protagonista, per conquistare il cuore della "ragazza", oltre all'approvazione dei suoi amici e proprietari, deve dimostrare il suo valore.

 Un paio di tre (Marley ed io) di David Frankel (2008)

Commedia e romanticismo per iniziare la storia, dramma fino alla fine. Con Owen Wilson e Jennifer Aniston. Racconta le avventure di una famiglia americana, mentre sono accompagnati da un espansivo Labrador.

film sui cani

Basato sul racconto autobiografico di John Grogan. È uno dei film sui cani con il maggior incasso del XNUMX° secolo

 Il tuo migliore amicodi Lasse Hallström (2017)

Basato sul romanzo di W. Bruce Cameron Lo scopo di un cane. Diretto dallo svedese Lasse Hallström, che aveva già ripreso un altro film con protagonista un cane, la versione americana di Hachiko.

Il film era destinato a passare in silenzio attraverso i cartelloni cinematografici del pianeta. Fino a quando le lamentele sugli abusi sugli animali durante le riprese hanno attirato l'attenzione. Immediatamente, le associazioni per i diritti degli animali domestici hanno chiesto il boicottaggio del film.

Il film ha incassato più di 200 milioni di dollari al botteghino. Molti credono che questo episodio di protesta abbia finito per favorire la produzione e non viceversa.

 frankkenweeniedi Tim Burton (2012)

 Un cane che ritorna dalla morte nel miglior stile Frankenstein, il terrificante personaggio creato da Mary Shelly. Inoltre, presentato come un film d'animazione per tutto il pubblico, con la tecnica dello stop motion. Questo può venire solo dalla mente di Tim Burton.

 Boltdi Chris Williams (2008)

Questa produzione era destinata a rubare tutta l'attenzione durante i primi giorni dell'inverno boreale del 2008. Almeno così speravano i suoi produttori. Il l'attenzione finirebbe per monopolizzare una storia di vampiri e adolescenti con Kristen Stewart e Robert Pattinson.

Nonostante la concorrenza, Bolt è diventato uno dei cani più amati del cinema degli ultimi anni.

 Altri film sui cani

In alcuni nastri, i cani non sono i personaggi principali della storia. Anche se ciò non impedisce loro di rubare tutta l'attenzione. Ad esempio, i Jack Russell Terrier che hanno accompagnato Jim Carrey e Jean Dujardin su La maschera (1994) e in L'artista (2012).

Comunque sia, i film sui cani continuano ad essere ben accolti nel mondo. cinema per tutta la famiglia.

Fonti di immagini: Perriscope / Pochi Megas HD / Film QR


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.