Romani Film

Gladiatore

La nascita, lo splendore e la caduta del Impero Romano È uno dei momenti più studiati nella storia del mondo. Il cinema, come riflesso dell'umanità, non ha saputo resistere ai film romani.

Trame ambientate durante gli oltre 500 anni di governo di Roma. E questo senza includere l'Impero Romano d'Oriente o l'Impero Bizantino, che rimase in piedi fino al 1453. Tutti sono stati presenti poiché l'opera cinematografica era giovane e molto promettente. Il cinema classico ne è un buon esempio.

Molti dei film di maggior successo e spettacolarità di tutti i tempi hanno la loro genesi a Roma. Anche molti dei fallimenti più noti. E poiché si tratta quasi sempre di grandi produzioni con budget elevati, non ci sono vie di mezzo tra successo e fallimento.

Film romani: da cospirazione a cospirazione

Trame segrete per deporre un imperatore, piani malvagi per ottenere potere e gloria. Questa è fondamentalmente la struttura della trama della maggior parte dei film romani.

Tanto potere e così vaste terre sotto il comando di una sola persona. Fino a 6.500.000 chilometri quadrati nel periodo di maggior splendore. Una tentazione troppo grande.

Judah Ben-Hur: il personaggio

Ben-Hur

Scritto da Lewis Wallace e pubblicato nel novembre 1880. Ben-Hur è stato per poco più di 50 anni il libro più venduto negli Stati Uniti. Fu superato nel 1936 da Ciò che il vento ha preso di Margaret Mitchell. Una storia di fantasia sulle avventure di un principe ebreo al tempo di Gesù Cristo. Aveva anche l'approvazione della Chiesa cattolica.

Nel 1907, quando l'industria cinematografica stava iniziando a stabilirsi, Ben-Hur ha debuttato sul grande schermo. Questa prima apparizione fu quasi clandestina. Era un cortometraggio di 15 minuti, fatto senza autorizzazione. Molte delle scene sono state girate di nascosto in uno spettacolo teatrale.

Gli eredi di Wallace hanno citato in giudizio il produttore per violazione del copyright. E questo, anche se per la data quel termine non esisteva. Hanno ottenuto un risarcimento di 25.000 dollari ed è stato stabilito un precedente. D'ora in poi, i produttori cinematografici avrebbero dovuto acquisire i diritti delle opere letterarie che volevano adattare.

Il debutto cinematografico "ufficiale" del principe Judah Ben-Hur avvenne nel 1925. Regia di Fred Nible Ben-Hur: una storia del Cristo fu un eccezionale successo di pubblico. Tuttavia, ha indicato la sfida affrontata dai produttori che volevano intraprendere film romani. Produzioni così costose che nemmeno stipare le stanze di gente ha potuto recuperare l'investimento.

1959: l'anno che segnò un prima e un dopo nel cinema romano

Il più famoso dei nastri di Ben-Hur sarebbe arrivato nel 1959. Diretto da William Wyler e interpretato da Charlton Heston con Stephen Boyd, Jack Hawkis, Hugh Griffith e Haya Hararect. Si dice che fosse probabilmente anche uno dei migliori set dell'Antica Roma.

Aveva il budget più alto per l'epoca: circa 15 milioni di dollari. Ma contrariamente a quanto era accaduto (e accade tuttora) con molte delle mega produzioni del genere peplum (film ambientati nell'antichità e in epoca greco-romana, molti li chiamano film di sandali e spade), è riuscito a raccogliere abbastanza soldi. Non solo per lo studio per recuperare l'investimento, ma anche per lasciare grandi profitti.

Ancora oggi, la qualità raggiunta in termini di direzione artistica, costumi, fotografia ed effetti speciali, è ancora impressionante.

Vincitore di 11 Oscar, che lo rende accanto a Titanic di James Cameron (1997) e Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re di Peter Jackson (2003), nel film con più statuette della storia.

Nel 2016 un terzo adattamento cinematografico di Ben-Hur. Diretto dal russo Timur Bekmambetov, il film è stato ignorato dal pubblico e distrutto dalla critica.

Cleopatra e Giulio Cesare: altri personaggi iconici

Il film più famoso con l'ultima regina dell'Antico Impero Egizio e il più iconico degli imperatori romani come protagonista. si tratta di Cleopatradi Joseph L. Mankiewicz (1963).

Dopo il successo di Ben-Hur, La Twentieth Century Fox non ha risparmiato risorse per un altro blockbuster ambientato a Roma. L'investimento complessivo per la realizzazione di questo film raggiungerebbe la cifra di 44 milioni di dollari.

Nonostante sia il film di maggior incasso degli anni '60, quasi trascina lo studio fuori dal mercato. Inoltre, i critici lo consideravano all'epoca un spregevole spreco di denaro.

Più che il film stesso, qualcos'altro è trasceso nel tempo, oltre alle enormi perdite economiche che ha rappresentato. Era la storia d'amore tra Elizabeth Taylor e Richard Burton, i protagonisti.

Cleopatra

Prima di CleopatraMankiewicz si era già avventurato nei film romani. Nel 1953, con Marlon Brando, porta sul grande schermo l'opera di William Shakespeare Giulio Cesare.

Lo stesso testo è stato adattato nel 1970 da Stuart Burge, con Charlton Heston come protagonista. Conosciuto in America Latina come L'assassinio di Giulio Cesare, il film non è sopravvissuto nella storia.

Il XNUMX° secolo: Il Gladiatore (e gli altri)

Dopo il disastro di Cleopatra, i grandi studios di Hollywood non erano del tutto sicuri di voler investire di nuovo nei film romani. Fino al 2000 è stato rilasciato Gladiatordi Ridley Scott.

È stato elogiato dalla critica (anche se non all'unanimità) e con quasi 500 milioni di collezioni in tutto il mondo. La Roma è tornata di moda al cinema.

Finora nel XNUMX° secolo, le produzioni ambientate nel vecchio impero hanno ripreso una certa frequenza. Sebbene i risultati economici (e in alcuni casi quelli artistici) continuino lontani dai fasti del tempo del Ben-Hur o quello del livello raggiunto da Gladiator.

Alcuni di questi film sono:

  • La legione dell'aquila, di Kevin Macdonald (2011). Con Channing Tatum, Jamie Bell, Donald Sutherland e Mark Strong.
  • Agora, di Alejandro Amenabar (2009). Con Rachel Weisz, Max Minghekka e Oscar Isaac.
  • Pompeidi Paul WS Anderson (2014). Con Kit Harington, Emily Browning, Carrie-Anne Moss e Keifer Sutherland.
  • Centurione, di Neil Marshall (2010). Con Michael Fassbender e Dominic West.

Fonti immagine: Bolsamanía / Aleteia / ElPlural.com


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.